Incontro Forania di Tricase

141

CHIAMATI A CAMMINARE INSIEME NELLA CARITA’

Incontro del 15 novembre 2022

Presenti:

Caprarica, Corsano, Depressa, Lucugnano, Tricase-Chiesa Madre, Tricase Porto, Tutino

Cos’è Caritas?

  • Aiutare persone, materialmente e non solo;
  • Dare conforto, ascolto;
  • Servizio, accoglienza;
  • Preghiera.

Non si dovrebbe considerare la Caritas come un ente che si occupa esclusivamente di “supporto alimentare” ai poveri, ma probabilmente si è ridotto a questo, molti hanno questa idea.

La Caritas ha la funzione di sensibilizzare la comunità a leggere il territorio e a dare delle risposte. Deve avere la capacità di mettersi insieme ad altri che già operano sul territorio.

Papa Francesco invita a costruire relazione, a guardare negli occhi i poveri.

Depressa, gruppo Opera di Maria: svolge attività di ascolto e apertura ai poveri, ma ci sono pregiudizi nell’accoglienza. La Caritas ha anche la funzione pedagogica, le azioni educano.

Anche l’Apostolato della preghiera è importante, portare la pagellina permette di entrare nelle case, visitare gli ammalati, le persone sole.

Non dobbiamo caricarci le spalle e dire “i poveri sono nostri”, ma coinvolgere la comunità in questo compito.

La povertà non è solo quella alimentare ed economica. Quali sono le povertà e le problematiche del nostro territorio? È necessaria una mappatura. Ci sono RSA sul territorio? Comunità di accoglienza?

Esperienza Azione Cattolica adulti: si erano organizzati per andare a trovare gli ammalati di depressa ma gli ammalati non si aprono se non c’è un rapporto di amicizia.

Esperienza a Corsano: non sempre le badanti sono bendisposte a far entrare le persone in casa, per paura, diffidenza.

Il Vangelo ci indica la modalità per interfacciarsi con i poveri.

Gli anziani si stanno chiudendo, non c’è più lo stile delle “case a corte”, a differenza di qualche decennio fa le case di oggi sono chiuse, ben protette, simbolo dell’individualismo dilagante nella società.

Come recuperare la socialità?

Se trovo un amico per strada mi fermo a salutarlo. Noi cristiani dovremmo essere capaci di mettere in atto la chiesa in uscita, portando con noi lo Spirito Santo, l’amore di Dio.

Fragilità, migranti, lavoro, economia inclusiva.

Coinvolgere le comunità su queste tematiche.

Spesso le parrocchie non sono informate sulle attività della Caritas diocesana.

Opportunità sul territorio: mappare la presenza di insegnanti in pensione che siano disponibili a dare una mano nello studio ai ragazzi che non possono permettersi un’insegnante privato.

Coinvolgere i giovanissimi nella preparazione dei pacchi per i poveri.

Scambiare esperienze con le altre Caritas parrocchiali.