Cre-Grest “Batticuore”: un mare di emozioni

156

L’esperienza del cre-grest “Batticuore”  dal 26 giugno al 9 luglio nell’ambito del progetto di attenzione alle persone anziane Intrecciati tra memoria e futuro.

Cos’è che ci spinge a vivere occasioni di crescita in modo empatico con gli altri?

Sicuramente le esperienze che si condividono, le emozioni che si vivono anche attraverso la promozione di valori quali l’amicizia, il rispetto, il saper ascoltare e aiutarsi l’un l’altro, imparando ad andare oltre i pregiudizi e l’indifferenza.

Tutto questo si è potuto consolidare grazie all’esperienza del Cre-Grest svoltasi, per la prima volta, nella Parrocchia di San Nicola, a Tricase Porto, grazie all’aiuto di Don Lucio, e dei componenti dell’associazione Libeccio e della Lega Navale.

Il tema di quest’anno è legato alle emozioni, infatti il titolo “Batticuore – Gioia piena alla tua presenza” ha aiutato a dare un nome alle emozioni che si provano nella vita .

I bambini che hanno partecipato  a questo sorprendente progetto sono stati 26, insieme a 10 animatori tra cui noi del Servizio Civile Universale di Caritas. Lo spirito di condivisione e di collaborazione sono stati di estrema importanza, in tutte le attività svolte: è stata bello vedere persone anziane insieme ai bambini e a noi giovani. Il Grest è iniziato il 26 giugno con il mandato agli animatori durante la celebrazione eucaristica ed è terminato il 9 luglio con la festa finale che ha visto il coinvolgimento dei genitori dei bambini che hanno partecipato.

In queste due settimane noi animatori insieme ai bambini siamo andati alla scoperta delle nostre emozioni, imparando a riconoscerle e dar loro un nome, ad avere meno paura nel condividerle con gli altri perché fanno parte della nostra esistenza.

In questa condivisione di emozioni e giochi è stato di grande importanza lo scambio intergenerazionale con le donne del borgo pescatori e i loro racconti, intrecciati tra memoria e futuro, uniti alla preparazione di gustosi piatti della tradizione salentina, con il supporto dell’associazione Libeccio.

 

La Lega Navale di Tricase Porto ha proposto ai bambini alcuni elementi di approccio alla natura, in modo particolare al mare. I ragazzi e anche noi animatori abbiamo compreso che significa il rispetto del mare e dell’ambiente, grazie all’intervento del Capitano della Guardia Costiera ed ai componenti della Lega Navale che rispondendo alle domande dei piccoli hanno trasmesso un senso di responsabilità e di grande amore verso il territorio.

Sono state fatte escursioni in barca, trekking presso i terrazzi del Libeccio e della Lega Navale ed ogni giorno abbiamo fatto il bagno, anche il giorno che ha piovuto siamo stati gli unici a “paparisciarci” in acqua.

Tutti insieme abbiamo lasciato una bellissima impronta nel cuore di ognuno, siamo cresciuti nell’amicizia, le attività formative e ludiche hanno contribuito a mettere a frutto i talenti di ognuno al servizio dell’altro, nella bellissima cornice del mare di Tricase Porto.

Concludiamo con una citazione di Lyman Frank Baum che un po’ ha ripercorso il nostro percorso al Grest: “L’esperienza è la sola cosa che porta la conoscenza, e più tempo passi sulla terra, più esperienze ti fai”.

I giovani del Servizio Civile Universale: Sara Frivoli, Giulia Indino, Raffaele Maisto, Chiara Maria Marini Chiara, Laura Mastria.