CARTA DI LEUCA 2022

110

“Ci impegniamo perché il mondo si muove se noi ci muoviamo, si muta se noi mutiamo, si fa nuovo se qualcuno si fa nuova creatura…”: 70 giovani dei diversi paesi del Mediterraneo hanno firmato a Leuca, domenica 14 agosto 2022, un impegno per la costruzione di un mondo solidale, fraterno, uguale, inclusivo, sostenibile.

L’iniziativa giunta quest’anno alla sua settima edizione, organizzata dalla Fondazione di Partecipazione PCE “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae” in collaborazione con tante realtà del territorio, è un evento internazionale di formazione e partecipazione. Dall’ Italia, dall’Albania, da Cipro, Portogallo, Romania, Ungheria, Ucraina, Nigeria, Egitto, Grecia e Paesi del continente africano, i sorrisi e l’impegno dei giovani per un mondo di pace e di libertà.

 

Ecco il testo di Carta di Leuca 2022

The right ways of peace

Ci impegniamo noi e non gli altri, noi giovani provenienti dai Paesi baciati dal mar Mediterraneo che hanno scelto di mettersi ancora in cammino, alla scuola del Bello, sui sentieri diritti della pace.

  1. Ci impegniamo a parlare parole che non siano la fine ma l’inizio di un dialogo che costruisce ponti e abbatte muri. Parole che siano pesate, pensate, profonde e vere, come semi piantati nel solco che fioriscono in azioni concrete, collettive e comunitarie. Ci impegniamo a curare le ferite del pianeta partendo dal basso, dai nostri stili di vita, creando una società attenta e solidale.
  2. Ci impegniamo a pensare pensieri che facciano del lavoro uno strumento che dia pari opportunità all’uomo e alla donna, rispettando la loro naturale diversità e facendo emergere la nobile e la pari dignità fra essi.
  3. Ci impegniamo a progettare progetti che partano dalla vita e portino alla vita di tanti uomini e donne che desiderano fare dell’inclusione uno stile di vita e della terra una casa gentile attraverso scelte di attenzione e premura perché una vita dignitosa non sia privilegio di pochi ma diritto di tutti.
  4. Ci impegniamo a proporre propositi di pace. La guerra, inevitabilmente, porta con sé dei mali che spesso hanno una portata distruttiva più grande della guerra stessa. Creiamo legami positivi, favoriamo la cura verso gli altri, promuoviamo una cultura dell’incontro e della solidarietà per distruggere l’indifferenza e l’egoismo che ci circondano, costruendo così la civiltà dell’Amore.

“Ci impegniamo perché il mondo si muove se noi ci muoviamo, si muta se noi mutiamo, si fa nuovo se qualcuno si fa nuova creatura. La primavera incomincia con il primo fiore, la notte con la prima stella, il fiume con la prima goccia d’acqua, l’amore col primo pegno. Ci impegniamo, allora, perché noi crediamo nell’Amore, la sola certezza che non teme confronti, la sola che basta per impegnarci perpetuamente”.  

De Finibus Terrae,

14 agosto 2022

Here is Carta di Leuca 2022

The rights ways of peace

We are comitted, and not the others, we young people from Mediterranean Countries, who have choosen again, at Bello’s school to set off on the paths of the rights of peace.

  1. We are commited to speaking words which are not the end, but the beginning of a dialogue, which builts bridges and breaks down walls. These words must be weighed, thought, deep and true, like seeds planted in the groove which bloom in concrete, collective and community actions. We are committed to healing the planet’s wounds starting from the bottom, from our lifestyle, creating a caring society.
  2. We are committed to think thoughts which let the job became an instrument that give equal opportunies to man and women, respecting theyr natural difference, bringing out the noble and egual dignity between them.
  3. We are committed to design projects which start from life and reach lives of many people which desire to make of inclusion a life style and of the earth anouse kind throught choices of attention and care so that a dignified life would not be a privilege of a few, but the rights of all.
  4. We are committed to suggest proposals of peace. The war, inevitably, brings whith it the evils which destroy more than the war itself. Let’s make positive links, let’s promote care for others, let’s promote the culture of encounter and solidariety in order to fight the indifference and the egoism that sourround us, and building the society of Love.

“We commit ourselves because the word moves if we move too, it changes if we change too, it rebirth if someone accepts of beeing a creature. The spring starts with the first flower, the night with the first star, the river with the first drop of water, love with the first pledge. So we commit ourselves because we believe in Love, the only one certainly that is second to none, the onlyone we need to commit ourselves forever”. 

De Finibus Terrae,

14th august 2022